La preparazione per i viaggi

Come prepararsi per i viaggi

Come fare a prepararsi per una meta alpinistica o un trekking in quota che richiedono lunghe tappe ed uno sforzo fisico impegnativo a causa dei fattori ambientali non usuali per gli esseri umani? Se prendiamo come esempio un gruppo di alpinisti o trekker con esperienze di attività fuori dalle Alpi scoprirete che ognuno si prepara in modo diverso. Alcuni non hanno programmi scientifici, altri addirittura svolgono una vita che con gli atleti ha ben poco a che fare e altri ancora seguono programmi specifici curando sia gli allenamenti sia l’alimentazione.

Entrando però maggiormente nei dettagli scopriamo che l’alta quota per certi versi richiede una preparazione fisica specifica, e una preparazione tecnica adeguata alle mete prefissate. Pertanto le conoscenze e le esperienze personali di una persona interessata all’alta quota devono necessariamente essere più complete e più specifiche di quanto non succeda nelle Alpi. Per fare un esempio, l’Aconcagua, la montagna più alta delle Americhe 6959 mt, è una montagna tecnicamente facile dove in teoria è sufficiente avere dei rudimenti sulla tecnica alpinistica ma a livello fisico richiede una preparazione fisica e un esperienza in alta quota decisamente alta in quanto le condizioni ambientali della montagna sono decisamente rudi. Abbiamo indicato che in teoria sono sufficienti i rudimenti di tecnica alpinistica ma nel caso le condizioni climatiche siano diverse una maggiore conoscenza tecnica aumenta la sicurezza e facilita notevolmente il raggiungimento della meta. Se poi paragoniamo l’Aconcagua con l’Huascaran 6746 mt scopriamo che la montagna pur essendo più bassa di quota ha un impegno tecnico decisamente più alto e di conseguenza anche l’impegno fisico. Figuriamoci poi se paragoniamo le Ande con le montagne Himalayane. La situazione si complica in modo quasi esponenziale.

Per concludere e darvi poi i dovuti consigli su cosa, come e sulla base di quali parametri fare e scegliere i propri obiettivi ricordatevi comunque che arrivare in forma è fondamentale se si vuole ottenere il massimo dal viaggio che si è scelto di fare e per il successo negli obiettivi che ci si è posti. I livelli tecnici nell’alpinismo, nello sci alpinismo, nel trekking e quelli fisici che troverete in un’altre pagine del sito sono studiati per darvi un’ idea di quali conoscenze e allenamenti sono necessari per avere la giusta prepararzione. L’allenamento ottimale resta comunque quello completo che permette di sviluppare tutte le capacità in modo equilibrato ed aiuta a gestire gli imprevisti aumentando le possibilità di raggiungere le nostre mete in piena sicurezza. Non è necessario essere degli atleti per la realizzazione dei programmi che proponiamo ma avere una vita attiva con un allenamento regolare sono essenziali.

Preparazione culturale

Impregnarvi prima di partire della cultura del paese in cui vi recherete può essere di grande aiuto per meglio adattarsi e quindi di trarre maggiori soddisfazioni da ciò che scoprirete. Vi forniremo nei programmi dettagliati specifiche informazioni sui paesi previsti nei viaggi.

Preparazione psicologica

Tra le agenzie locali a cui ci appoggiamo e in alcuni rifugi possono presentarsi differenze che richiedono da parte di tutti i partecipanti una certa collaborazione nella vita quotidiana e collettiva, montare le tende, apparecchiare, preparare bevande, trasportare materiale collettivo, etc. In poche parole avere un vero spirito di squadra e tolleranza verso gli altri, le abitudini e i valori che incontrerete. Per alcuni programmi la fatica, il poco confort, la rudezza, i cambiamenti climatici, gli imprevisti, la vita di gruppo e in taluni casi i rischi….Sono scelte che implicano un certo ingaggio seppur diverso da proposta a proposta però comunque presenti in un viaggio lontano.

Quale livello fisico - tecnico

Va da sé che arrivare in forma è fondamentale se si vuole ottenere il massimo dalla vostra vacanza – ed è essenziale per il successo fissato nei nostri obiettivi.
I 5 livelli fisici e i 6 livelli tecnici che usiamo sono stati studiati per dare un’idea delle difficoltà previste e per quanto riguarda la parte fisica di ciò che va fatto nei 2-3 mesi precedenti il vostro il vostro viaggio in modo da essere ben preparati prima di incominciare il programma. Non è necessario essere un atleta, ma è necessario essere in forma e in buona salute (per i nostri viaggi più impegnativi un allenamento regolare è indispensabile).

La preparazione Tecnica

La preparazione tecnica è assieme alla preparazione fisica l’aspetto fondamentale per ogni viaggio in alta quota. Eppure ancora oggi è usuale vedere sulle montagne del Sud America principianti tentare di salire delle montagne solo per l’ebrezza di dire ho salito quella cima. E’ vero che alcune montagne sono tecnicamente facilissime ma non sappiamo che tipo di imprevisti possiamo trovarci a dover affrontare. Alla roulette russa è bene non giocarci.

La preparazione tecnica è “l’elemento” per una buona riuscita di un viaggio sulle Ande. Siano dei trekking o delle salite alpinistiche in entrambi i casi sono necessarie in funzione della propria scelta delle esperienze di apprendimento sulle montagne europee.

La conoscenza di alcune basi di tecnica pura:
– Per i Trekking l’esempio sono l’aver percorso itinerari che presentano parti nevose o tratti esposti dove l’appoggio delle mani può essere necessario o trekking in cui vi sono brevi parti attrezzate e meglio se poi siete già stati in quota (3500 mt) anche solo con delle funivie.
– Per l’alpinismo la cosa migliore è aver effettuato prima dei corsi dove si imparano le tecniche di progressione di base su roccia, ghiaccio/neve, misto e poi almeno alcuni tra i 4000 mt più facili delle Alpi, un esempio sono i 4000 mt del Monte Rosa. Link a I Corsi di Alpinismo
– Per lo sci alpinismo aver effettuato dei corsi che vi hanno preparato a tutti gli aspetti che caratterizzano questa disciplina (sci, alpinismo, autosoccorso in valanga, etc) e dei tour anche di 2 – 3 giorni consecutivi con tratti dove sono necessari l’uso dei ramponi e per coloro che cercano lo sci alpinismo in quota anche dei 4000 mt alpini. Link a I Corsi di Sci Alpinismo

Al fine di dare un’indicazione precisa dei livelli tecnici minimi richiesti per ogni viaggio vi rimandiamo al seguente link: 6 livelli tecnici

La velocità è un altro aspetto della preparazione tecnica. Dove per velocità non intendiamo correre ma essere efficaci nelle cose che dobbiamo fare in alta quota.
L’efficacia in alta quota equivale a risparmiare energie, maggiore fluidità nella movimentazione e riduzione delle perdite di tempo che in questi luoghi sono fondamentali visto che già i ritmi sono decisamente più lenti di quelli nelle Alpi.

Altro elemento importante è la gradualità. Come anche sulle Alpi, sulle Ande il fare le cose in modo graduale diventa fondamentale per un futuro di viaggi in alta quota. Pertanto il consiglio è di partire con dei programmi che tecnicamente sono al di sotto della vostra portata in quanto questo permette di capire tante cose legate al proprio fisico, di capire le condizioni che usualmente queste montagne hanno, la loro meteorologia, etc. Tutti fattori che vi aiuteranno in un futuro di grandi salite in quota.

Concludendo sappiate che il 90% dei grandi alpinisti che hanno conquistato gli 8000 mt sono passati dalle Ande in quanto tutte le prove possibili ed immaginabili che facciamo sulle Alpi non sono sufficienti a capire come reagirà il corpo a quote veramente elevate.

La preparazione fisica

Verifica il tuo allenamento

Per verificare il proprio allenamento alle discipline di montagna, vi suggeriamo di andare un week end o 3 giorni consecutivi a fare un paio di lunghe giornate in montagna per vedere quale è la situazione fisica. A parte essere un buon motivo per divertirsi, dovrebbe aiutarvi a capire quanta preparazione fisica sia ancora necessaria per raggiungere il livello richiesto o al contrario se siamo già a posto. Facciamo presente che stiamo parlando di un allenamento cardiovascolare e quindi di un lavoro di resistenza di cuore e polmoni, al fine di riuscire a realizzare degli itinerari lunghi e magari anche in quota. Questo tipo di allenamento è molto diverso da quello relativo alla forza pura fatta di pesi, trazioni, etc che alle alte quote al di là di salite alpinistiche tecnicamente difficili serve a ben poco come allenamento specifico.

Quale tipi di esercizi fare?

La migliore preparazione per gli sport di montagna comporta sempre una buona quantità di esercizio cardiovascolare (corsa, ciclismo, mountain bike, ecc) e quindi quando è possibile il meglio è di fare delle lunghe camminate/sciate in montagna anche su percorsi impegnativi.
Abbiamo notato che le persone che si allenano sempre in casa e/o palestra non sono mai così in forma in montagna come coloro che regolarmente effettuano uscite in montagna – quindi la corsa su tapis roulant seppur meglio che niente non raggiunge i risultati che si hanno con il vero allenamento all’aperto ed in montagna . Se veramente vi diventa difficile riuscire a sciare/camminare regolarmente in montagna il consiglio è comunque di fare camminate in salita con un dislivello positivo di almento 1000 mt. Non dimenticate di leggere attentamente le descrizioni dei viaggi per capire bene che cosa si realizzerà in modo da personalizzarvi al meglio il vostro allenamento fisico. Ad esempio se si punta all’alta quota effettuare delle salite su dei 4000 mt diventa fondamentale per le realizzazioni in alta quota meglio poi se vi sono anche dei pernottamenti in rifugio. Per quanto riguarda l’evoluzione tecnica abbiamo corsi di alpinismo e di sci alpinismo che vi permettono di imparare e o migliorare il vostro livello e contemporaneamente di allenare il vostro fisico.

Trovare il tempo per allenarsi

Nel momento in cui si è scelto di fare un trekking o una spedizione in alta montagna da lì comincia l’allenamento. La prima cosa da fare quando volete fare un viaggio alpinistico o di trekking in alta quota è dare un’occhiata ai livelli tecnici e fisici richiesti e vedere se siamo nei parametri richiesti. Questo vi darà una linea guida per la quantità di esercizio cardiovascolare settimanale e per le salite di acclimatamento che si dovrebbero fare durante i 2-3 mesi precedenti il viaggio e se è anche necessario effettuare ulteriori corsi per migliorare la tecnica. Una volta che si ha chiara la situazione questa va confrontata con la routine settimanale per cercare il tempo e i luoghi per allenarsi. Correre o andare in bicicletta al lavoro un paio di volte a settimana, allenarsi nel momento del pranzo, etc, sono tutti momenti dove si può realizzare una buona sessione di allenamento senza influenzare altri impegni. Il modo migliore per mantenere l’impegno di allenarsi è quello di organizzarsi con un gruppo di amici a fare sport insieme, oppure entrare in un club per allenarsi con altre persone. In questo modo avrete un impegno da mantenere ogni settimana, oltre a godere degli aspetti sociali dello sport.