Maggiori info su Soggiorno, Voli, Bagagli, Comunicazioni

Il Soggiorno

Il nostro soggiorno viene organizzato e prenotato direttamente dalle nostre Guide Europee o Sud Americane in funzione del tipo di programma che si realizzerà. Parti del soggiorno sono in Hotel e altre in tenda o rifugio in funzione del tipo di viaggio scelto. L’obiettivo che ci siamo posti è comuncue quello della comodità in modo da trovarci nelle migliori condizioni fisiche per portare a termine quanto ci siamo prefissati di fare.

Gli hotel.

Gli hotel previsti nei nostri viaggi non sono dei cinque stelle lusso, salvo richiesta specifica, ma rimaniamo su dei 2 – 3 stelle dove comunque gli aspetti fondamentali sono la pulizia, una buona e pulita cucina, un ambiente famigliare e disponibile e una ottima sicurezza. Normalmente salvo casi eccezionali sono tutti dotati dei più moderni servizi di contatto, wifi, skype, centro internet nell’hotel, etc. Usualmente le prenotazioni sono fissate in camera doppia, salvo specifica richiesta dei partecipanti che prediligono la camera singola. Tutte le camere sono dotate di bagno privato e nel prezzo è inclusa la prima colazione che può essere a buffet o comunque di tipo americano. Gli hotel previsti come base per tutto il viaggio hanno poi degli specifici locali deposito in cui possiamo lasciare il bagaglio di riserva e cosa più importante sono isolati dall’ esterno mediante portoni a chiusura centralizzata oppure con la presenza di un servizio di sicurezza 24 ore su 24 in modo da evitare l’ingresso di intrusi nell’hotel.

I lodge o case famiglia.

In alcuni viaggi potremmo essere portati a dormire per alcune notti in case famiglia o lodge. Ora in queste strutture i servizi possono non essere di elevate qualità nel senso che i bagni potrebbero essere comuni e il pernottamento in cameroni con più posti letto sitemati comunque su letti tipo le vecchie reti presenti nelle case dei nostri nonni – bisnonni. Le strutture sono più vicine ad un sitema Ostelli Europei dove in taluni casi includono anche il servizio ristorante e dove questo non è previsto abbiamo al seguito un cuoco personale con tutti i viveri e le bevande necessarie.

I rifugi.

I rifugi in Sud America sono ancora pochi e non offrono sicuramente i servizi dei rifugi europei anche se in alcune montagne (Perù cordigliera Blanca) vi sono rifugi che non hanno nulla da invidiare ai nostri europei sia sotto la’spetto pulizia, sia sotto l’aspetto cucina. Ora pertanto in funzione dle programma e del paese vi possono essere enormi differenze e pertanto per le notti che possono essere previste in queste strutture un pò di adattamento è necessario. Esempio in taluni casi ci aiuteremo nel fare la cucina, dormiremo su un tavolaccio nel nostro sacco a pelo e non useremo le loro coperte, etc. In altri invece saremo serviti e riveriti e trattati meglio che in certi rifugi alpini.

I campi in quota.

Nei viaggi dove non ci sono rifugi la sistemazione è prevista in tende con tutte le attrezzature da campeggio per il gruppo, compresi gli utensili per la cucina, tavoli e sedie, tende (personale, cucina e pranzo). Le tende per i campi alti sono le classiche tende di alta montagna a 2 posti dove si pernotterà per un numero di notti variabile in funzione del programma. Tende singole su richiesta. Tutte le tende usate sono tende d’alta quota studiate in modo particolare per resistere alle varie situazioni meteorologiche che si possono verificare a queste quote. Chiaramente la tenda non è un rifugio ma in taluni parti di programma è l’unica possibilità di sistemazione. Un’esperienza nuova o diversa.

La ristorazione.

La ristorazione nei paesi del Sud america è piuttosto buona, varia e soprattutto pulita, con punte ottime in alcuni paesi dove veramente offrono dei ristoranti di alta qualità a dei prezzi che per noi europei sono decisamente bassi. Per degli alpinisti – trekker – escursionisti che si spostano dall’Europa in questi paesi posti a quote elevate avere una buona cucina è fondamentale per mantenere il fisico in forma ed essere pronti per le mete più ambite. Attenzione però ai cibi crudi, soprattutto nei primi giorni, Mangiare solo roba cotta o sbucciata. Bere solo acqua minerale e non del rubinetto. Nei campi o dove necessario i cuochi hanno l’abitudine alla clientela Europea e pertanto realizzano una cucina specifica per noi in modo tale che il nostro fisico si abitui in modo graduale. Ricordatevi che è fondamentale cercare di evitare i problemi intestinale in quanto sono quelli che possono fare la differenza nel riuscire o non riuscire a raggiungere le mete che ci siamo prefissati.

Sarà comunque nostra cura indicare nel programma dettagliato la caratteristica di pernottamento e di servizio incluso in modo tale da avere un idea di quale e quanto adattamento dovremmo mettere in conto.

I Voli Aerei

La nostra struttura, non essendo un’agenzia di viaggi, non si occupa dell’acquisto prenotazione dei voli ma, lascia libero ogni partecipante di acquistare il proprio volo con la compagnia che preferisce purchè gli arrivi in loco non obblighino a modifiche sul programma organizzato. Comunque al momento della prenotazione del volo sarà nostra cura metterci d’accordo con i partecipanti in modo da fissare insieme i vari orari e luoghi di appuntamento.
Usualmente il viaggio aereo viene effettuato con voli di linea in classe turistica con partenza da Milano e o da altro luogo su richiesta degli interessati. Gli appuntamenti salvo diversa indicazione avvengono direttamente in Aeroporto circa 2 ore prima. Le compagnie aeree che volano sul Sud America sono diverse. Tutte necessitano però di almeno uno scalo intermedio prima di raggiungere la destinazione. Va ricordato che salvo diversa indicazione il carico massimo in classe turistica di bagaglio concesso è variabile da 21 a 23 kg + 7/12 kg di bagaglio a mano. Per salite alpinistiche di un certo livello può creare non pochi problemi per il fatto che il materiale ha un certo peso e pertanto è facile superare i carichi di 21 – 23 kg.
Diverse sono le compagnie che volano sul Sud America e tutte offrono buoni servizzi sul viaggio. Personalmente voliamo molto con IBERIA via Madrid che ha voli più diretti sulle principali città del Sud America che fanno da base per le aree montane.
Per i paesi al di fuori del Sud America i voli seguono più o meno lo stesso sistema ma normalmente con uno o più scali in più rispetto all’America Latina ed inoltre sono normalmente necessari dei voli interni per raggiungere le cittadine alla base delle montagne previste.

Consigliamo caldamente la scelta di voli con scali di almeno 2 ore in modo tale che in aeroporto il personale di terra abbia tutto il tempo per spostare i bagagli e caricarli al posto giusto evitando così eventuali errori.
Giunti sul posto è l’agenzia locale di appoggio che ci riceve in Aeroporto e ci porta all’hotel dove è previsto il soggiorno.
Usualmente il volo avviene tutto nello stesso giorno o al massimo con arrivo il giorno successivo tenuto conto del cambio con il fuso orario.

I Bagagli

Per il Sud America, escluso l’Aconcagua, consigliamo un borsone con una capacità sui 120-150 lt, stagno e con chiusure a zip, se possibile di un colore piuttosto vivace (vi spiegheremo poi il perché). Il borsone è facile da trasportare, da caricare sui veicoli, sui lama e sui muli, protegge dalla pioggia, dalla neve e dalla notevole polvere presente sulle piste locali. Può, in taluni casi di avvicnamento breve ai rifugi, essere usato come zaino per il trasporto del materiale di gruppo. Il colore vivace in quanto per esperienza personale è più visibile negli aeroporti e pertanto il personale di terra è più difficile che sbagli il suo posizionamento nei vari scali.

Negli altri paesi e all’Aconcagua, vista la necessità di dover stare molti giorni in quota con sistemazioni in tende da campo base, consigliamo l’uso di bidoni di plastica di 120 lt. E’ chiaro che anche questi devono avere un carico complessivo non superiore ai 21-23 kg ma il vantaggio è che il materiale all’interno è decisamente più protetto anche e soprattutto agli urti che può subire lungo i sentieri impervi di certi luoghi dell’Asia e nel qual caso sia depositato in tende magazzino è meno accessibile a sconosciuti. Anche questi bidoni sono normalmente stagni e si trovano abbastanza facilmente da comprare presso i negozi di Agricenter.

Nell’eventualità vi sia del bagaglio in eccedenza valuteremo insieme se vale la pena averlo con noi, e, comunque nel caso sia necessario potremo optare nello spedire questa eccedenza con un anticipo di circa 20 giorni sulla partenza del gruppo.

Il bagaglio a mano normalmente viene posizionato già nello zaino che useremo per il trekking o per le salite alpinistiche, cercando di comprimenrlo bene in modo da non superare le dimensioni imposte dalle compagnie aeree. All’interno posizioneremo il materiale più fragile e quello di prima necessità incluso già dei vestiti di ricambio per escursioni di base in modo tale da non dover perdere dei giorni per aspettare che arrivino i bagagli persi/dimenticati.

Su ogni bagaglio, al di fuori di quello a mano, va posizionata una targhetta o altro riferimento con l’indicaznio di un indirizzo di recapito che normalmente è quello personale, ma, in taluni casi forniremo a voi tutti un indirizzo di riferimento per l’andata in modo tale che se il bagalio ritarda sappiano dove fare la consegna.

Le Comunicazioni con l’Europa

In tutto il Sud America le comunicazioni sono piuttosto buone e solo in alcuni luoghi veramente isolati non vi è possibilità di comunicazione.

Comunque consigliamo di avere al seguito il vostro cellulare personale al quale in loco potrete acquistare una simcard locale che vi permetterà di comunicare a prezzi irrisori con l’Europa oppure nelle città usare i wifi delle strutture ricettive ecomunicare via le varie App.

In alcuni paesi le comunicazioni con i cellulari sono ottime anche dalle montagne e dagli itinerari di trekking e ogni anno migliorano. Un tablet o computer piccolo può essere un di più quando siete nelle città a comunicare via i vari sistemi con l’Europa. Dove invece non abbiamo nessun tipo di comunicazione le Agenzie locali hanno con loro dei telefoni satellitari il cui uso è esclusivo per casi di emergenza.

Al di fuori del Sud America l’uso dei cellulari tra le montagne è molto variabile per cui sono i telefoni satellitari delle Agenzie locali che fanno il servizio di comunicazione per tutte le necessità ma con prezzi chiaramente piuttosto alti.